Inaugurate le attività dell’Agenzia Nazionale per i Giovani alla presenza della Ministra per l’Integrazione Cécile Kyenge – Ministro per l’integrazione

Standard

Inaugurate le attività dell’Agenzia Nazionale per i Giovani alla presenza della Ministra per l’Integrazione Cécile Kyenge – Ministro per l’integrazione.

Visualizza articolo

Annunci

Inaugurate le attività dell’Agenzia Nazionale per i Giovani alla presenza della Ministra per l’Integrazione Cécile Kyenge – Ministro per l’integrazione

Standard

Inaugurate le attività dell’Agenzia Nazionale per i Giovani alla presenza della Ministra per l’Integrazione Cécile Kyenge – Ministro per l’integrazione.

AgevoBLOG: Parte Erasmus : il programma UE per i giovani e la formazione finanzia, dal 2014, anche i progetti per lo sport. Info day il 4 Febbraio!

Standard

AgevoBLOG: Parte Erasmus : il programma UE per i giovani e la formazione finanzia, dal 2014, anche i progetti per lo sport. Info day il 4 Febbraio!.

Visualizza articolo

AgevoBLOG: Parte Erasmus : il programma UE per i giovani e la formazione finanzia, dal 2014, anche i progetti per lo sport. Info day il 4 Febbraio!

Standard

AgevoBLOG: Parte Erasmus : il programma UE per i giovani e la formazione finanzia, dal 2014, anche i progetti per lo sport. Info day il 4 Febbraio!.

Parte Erasmus+: il programma UE per i giovani e la formazione finanzia, dal 2014, anche i progetti per lo sport. Info day il 4 Febbraio!

Standard



IN EVIDENZA

Il 4 Febbraio 2014 si terrà a Bruxelles uno “Sport info day” organizzato dalla Commissione europea per informare i potenziali candidati circa il nuovo programma Erasmus Plus e le sue opportunità di finanziamento. L’evento può essere seguito in streaming all’indirizzo: 
http://ec.europa.eu/sport/events/2014/2014040-sport-info-day_en.htm

Erasmus+ in breve

Il nuovo programma Erasmus+ combina tutti gli attuali regimi di finanziamento dell’Unione nel settore dell’istruzione, della formazione, della gioventù e dello sport, compreso il programma di apprendimento permanente (Erasmus, Leonardo da Vinci, Comenius, Grundtvig), Gioventù in azione e cinque programmi di cooperazione internazionale (Erasmus Mundus, Tempus, Alfa, Edulink e il programma di cooperazione con i paesi industrializzati).
Esso comprende inoltre per la prima volta un sostegno allo sport.



Con il programma integrato i richiedenti possono ottenere più agevolmente una visione d’insieme delle opportunità di sovvenzione disponibili, mentre altre semplificazioni contribuiranno a loro volta a facilitare l’accesso.
Erasmus+ viene avviato in un momento caratterizzato da importanti deficit di competenze in Europa.
La qualità e la pertinenza delle organizzazioni e dei sistemi europei d’istruzione, formazione e assistenza ai giovani saranno incrementate attraverso il sostegno al miglioramento dei metodi di insegnamento e apprendimento, a nuovi programmi e allo sviluppo professionale del personale docente e degli animatori giovanili, nonché attraverso una maggiore cooperazione tra il mondo dell’istruzione e il mondo del lavoro.
Il bilancio di 14,7 miliardi di euro per il periodo 2014-2020 tiene conto delle stime future riguardanti l’inflazione e rappresenta un aumento del 40% rispetto ai livelli attuali. Finanziamenti addizionali dovrebbero venire stanziati per la mobilità nel campo dell’istruzione superiore e per la costituzione di capacità con il coinvolgimento di paesi terzi; le negoziazioni al riguardo saranno ultimate nel 2014.
Il programma è aperto ad organizzazioni che operano nel settore dell’istruzione, della formazione, dei giovani o dello sport. Le candidature per il finanziamento possono essere presentate online.
Le persone fisiche non possono presentare direttamente una domanda di sovvenzione, ma devono invece contattare la loro università, il loro college o la loro organizzazione, che effettueranno la domanda.
Nel 2014 Erasmus+ disporrà complessivamente di 1 miliardo e 800 milioni di euro per finanziamenti volti a:
– promuovere opportunità di mobilità per studenti, tirocinanti, insegnanti e altro personale docente, giovani per gli scambi di giovani, animatori giovanili e volontari;
– creare o migliorare partenariati tra istituzioni e organizzazioni nei settori dell’istruzione, della formazione e dei giovani e il mondo del lavoro;
– sostenere il dialogo e reperire una serie di informazioni concrete, necessarie per realizzare la riforma dei sistemi di istruzione, formazione e assistenza ai giovani.
I consorzi, le organizzazioni e i gruppi di coordinamento possono presentare un’unica candidatura a nome di più organizzazioni.
Per la prima volta saranno concessi finanziamenti non solo ad università e istituti di formazione, ma anche a nuovi partenariati innovativi, le cosiddette “alleanze della conoscenza” e “alleanze delle abilità settoriali”, che costituiranno sinergie tra il mondo dell’istruzione e quello del lavoro consentendo agli istituti d’istruzione superiore, ai formatori e alle imprese di incentivare l’innovazione e lo spirito imprenditoriale nonché di elaborare nuovi programmi e qualifiche per colmare le lacune a livello delle abilità.

Di seguito è disponibile una sintesi del primo Invito-Bando pubblicato nell’ambito di Erasmus+. 
INVITO A PRESENTARE PROPOSTE 2013 — EAC/S11/13 

Diverse scadenze previste fra il 14 Marzo ed il 1 Ottobre 2014

1. Obiettivi

L’invito comprende le seguenti azioni del programma Erasmus+:

Azione chiave 1: Mobilità individuale ai fini dell’apprendimento:  
– mobilità individuale nel settore dell’istruzione, della formazione e della gioventù, 
– diplomi di laurea magistrale congiunti, 
– eventi di ampia portata legati al Servizio volontario europeo.

Azione chiave 2: Cooperazione per l’innovazione e lo scambio di buone prassi: 
– partenariati strategici nel settore dell’istruzione, della formazione e della gioventù,
– alleanze per la conoscenza,
– alleanze per le abilità settoriali,
– rafforzamento delle capacità nel settore della gioventù.

Azione chiave 3: Sostegno alla riforma delle politiche: 
– dialogo strutturato: incontro tra i giovani e i responsabili decisionali nel settore della gioventù.

Attività Jean Monnet: 
– cattedre, moduli, centri di eccellenza, sostegno alle istituzioni e alle associazioni, reti, progetti.

Sport: 
– partenariati di collaborazione nel settore dello sport,
– eventi sportivi a livello europeo senza scopo di lucro.  


2. Beneficiari

Qualsiasi organismo, pubblico o privato, operante nei settori dell’istruzione, della formazione, della gioventù e dello sport. 
I gruppi di giovani attivi nel settore del lavoro giovanile, ma non necessariamente nel contesto di un’organizzazione giovanile, possono inoltre presentare domanda di finanziamento sia per la mobilità ai fini dell’apprendimento dei giovani e dei giovani lavoratori sia per i partenariati strategici nel settore della gioventù. 

La partecipazione completa a tutte le azioni del programma è aperta ai seguenti paesi:

– i 28 Stati membri dell’Unione europea, – i paesi EFTA/SEE: Islanda, Liechtenstein, Norvegia,
– i paesi candidati all’adesione all’UE: la Turchia, l’ex Repubblica iugoslava di Macedonia,
– la Confederazione svizzera.

3. Risorse disponibili

Il bilancio totale destinato al presente invito è stimato pari a 1.507,3 milioni di EUR, così suddivisi:

– Istruzione e formazione: 1 305,3 milioni di EUR
– Gioventù: 174,2 milioni di EUR
– Jean Monnet: 11,2 milioni di EUR
– Sport: 16,6 milioni di EUR

4. Termini per la presentazione delle domande

Azione chiave 1

Mobilità individuale nei settori dell’istruzione, della formazione e della gioventù (tutti)
17 marzo 2014

Mobilità individuale esclusivamente nel settore della gioventù
30 aprile 2014

Mobilità individuale esclusivamente nel settore della gioventù
1° ottobre 2014

Diplomi di laurea magistrale congiunti:
27 marzo 2014

Eventi di ampia portata legati al Servizio volontario europeo
3 aprile 2014

Azione chiave 2

Partenariati strategici nel settore dell’istruzione, della formazione e della gioventù (tutti)
30 aprile 2014

Partenariati strategici esclusivamente nel settore della gioventù
1° ottobre 2014

Alleanze per la conoscenza, alleanze per le abilità settoriali
3 aprile 2014

Rafforzamento delle capacità nel settore della gioventù
3 aprile 2014
2 settembre 2014

Azione chiave 3

Incontro tra i giovani e i responsabili decisionali nel settore della gioventù30 aprile 2014
1° ottobre 2014

Azioni Jean Monnet

Cattedre, moduli, centri di eccellenza, sostegno alle istituzioni e alle associazioni, reti, progetti
26 marzo 2014

Azioni nel settore dello sport 


Partenariati di collaborazione nel settore dello sport
15 maggio 2014

Eventi sportivi a livello europeo senza scopo di lucro
14 marzo 2014
15 maggio 2014

5. Presentazione delle candidature

Le organizzazioni sono invitate a presentare la domanda (nella maggior parte dei casi online) all’Agenzia nazionale del loro paese o all’Agenzia esecutiva per l’istruzione, gli audiovisivi e la cultura.

Elenco e riferimenti delle Agenzie attive in Italia:
http://ec.europa.eu/programmes/erasmus-plus/national-agencies_it.htm#IT01

6. Informazioni dettagliate

Scarica la Guida al programma Erasmus+:


Erasmus plus-programme-guide en from Alberto Cardino – AGEVOFACILE


Focus sullo Sport


In ambito sportivo, il programma Erasmus+ si concentra nel 2014 su progetti transnazionali per sostenere gli sport amatoriali, contrastare partite truccate, doping, violenza e razzismo, promuovere il buon governo, la parità di genere, l’inclusione sociale e l’attività fisica per tutti.
E’ di 16,6 milioni di euro la quota dei finanziamenti destinata alle proposte nel settore dello sport. Le organizzazioni interessate possono proporre candidature online a partire dalla fine di gennaio: sul sito internet della Commissione europea le informazioni dettagliate e la guida per la presentazione dei progetti.
Il 4 Febbraio 2014 si terrà a Bruxelles uno “Sport info day” organizzato dalla Commissione europea per informare i potenziali candidati circa il nuovo programma e le sue opportunità di finanziamento. L’evento può essere seguito in streaming all’indirizzo: http://ec.europa.eu/sport/events/2014/2014040-sport-info-day_en.htm


Collegamenti:


Sito ufficiale di Erasmus Plus (IT):
http://ec.europa.eu/programmes/erasmus-plus/index_it.htm

Agenzia nazionale per i giovani (alla quale è possibile presentare la domanda):
www.agenziagiovani.it/erasmusplus.aspx


Ufficio per lo Sport del Governo Italiano:
www.sportgoverno.it/archivio/notizie/pubblicata-la-guida-di-erasmus.aspx 

RIPRODUZIONE RISERVATA

Il nuovo programma dell’UE per la competitività delle imprese: dal CIP al COSME (cominciamo a parlarne…)

Standard

COSME è il programma dell’Unione europea per la competitività delle piccole e medie imprese (PMI), in vigore nel periodo 2014-2020 con una dotazione prevista di € 2,3 miliardi.

Il programma COSME è stato formalmente adottato dal Parlamento europeo lo scorso 21 Novembre 2013.

(Le informazioni seguenti sono stratte dalla press release che ha fatto seguito all’approvazione di COSME da parte del Parlamento europeo)

Il COSME si propone di alleviare il problema dell’accesso al credito che assilla attualmente le piccole imprese. Il Programma per la competitività delle imprese e per le piccole e medie imprese (COSME) fornirà, ad esempio, uno strumento di garanzia per i prestiti fino a 150 000 EUR concessi alle piccole e medie imprese (PMI).
Il COSME assisterà inoltre l’economia e i cittadini anche in altri modi:

  1. gli imprenditori godranno di un accesso più facile ai mercati nell’UE e oltre i confini di questa; 
  2. i cittadini che vorrebbero avviare un’attività autonoma, ma incontrano attualmente difficoltà nell’impiantare o sviluppare la propria impresa, riceveranno servizi e assistenza su misura; 
  3. alle autorità degli Stati membri sarà offerto un sostegno di migliore qualità nell’attività di elaborazione e attuazione di un’efficiente riforma politica orientata alle PMI.

http://ec.europa.eu/enterprise/initiatives/cosme/index_en.htm

Il Vicepresidente della Commissione Europea Tajani sottolinea che, grazie a COSME, cresceranno le condizioni quadro favorevoli alle imprese; inoltre, circa 1,4 miliardi di EUR dei 2,3 miliardi che costituiscono il bilancio del COSME saranno destinati al credito e al venture capital a sostegno di piani di finanziamento promossi dai singoli Stati. Il nuovo strumento creditizio offrirà alle PMI garanzie dirette o altre formule di condivisione del rischio utilizzabili presso gli intermediari finanziari, quali le banche, i fondi di mutua garanzia e i fondi di venture capital, per garantire crediti fino a 150 000 EUR.
Lo strumento di capitale per gli investimenti in fase di sviluppo fornirà alle PMI finanziamenti azionari rimborsabili a orientamento commerciale, principalmente sotto forma di venture capital, ottenuti attraverso intermediari finanziari.

(le informazioni seguenti sono tratte dal sito Internet della Commissione Europea dedicato a COSME)

Gli obiettivi del programma sono illustrati di seguito.

Migliore accesso ai finanziamenti per le piccole e medie imprese (PMI)

Sono previsti due diversi strumenti finanziari, disponibili a partire dal 2014:

  1. La garanzia dei prestiti COSME finanzierà gli strumenti (A) della garanzia e della contro-garanzia per gli intermediari finanziari (ad esempio, le organizzazioni di garanzia, le banche, le società di leasing) con l’obiettivo di incrementare i prestiti e i leasing finanziari a vantaggio delle PMI e (B) della cartolarizzazione di portafogli di crediti alle PMI. Con la condivisione del rischio, le garanzie COSME consentiranno agli intermediari finanziari di ampliare la gamma delle PMI che saranno in grado di finanziare;
  2. Capitale di rischio per la crescitaCOSME finanzierà i fondi che forniscono capitale di rischio e finanziamenti mezzanine per la crescita delle PMI, in particolare di quelle che operano a livello transfrontaliero. I gestori opereranno su base commerciale, al fine di garantire che gli investimenti siano focalizzati sulle PMI con il maggiore potenziale di crescita. 

I due suddetti strumenti hanno lo scopo di proseguire le azioni di sostegno già perseguite dal programma per la competitività CIP, attivo nel periodo 2007-2013.

Accesso al mercato

Tutte le aziende possono avere accesso ai servizi di Enterprise Europe Network, ramificati in tutte le regioni europee.
I servizi offerti includono:

  • informazioni sulla legislazione dell’UE e la partecipazione a programmi comunitari (Orizzonte 2020, fondi regionali);
  • assistenza per trovare un partner commerciale all’estero, nell’UE o fuori UE;
  • consigli su accesso ai finanziamenti dell’Unione Europea;
  • sostegno all’innovazione ed al trasferimento tecnologico;
  • raccolta di pareri formulati dalle PMI sulla legislazione dell’UE.
COSME finanzierà, inoltre, il China IPR SME Helpdesk, già operativo, ed analoghi helpdesk per ASEAN e Mercosur, con l’obiettivo di aiutare le PMI ad affrontare le questioni relative ai diritti di proprietà intellettuale (IPRs) in questi Paesi. Il servizio include la registrazione di brevetti, marchi o modelli di utilità, ma anche le informazioni necessarie ad affrontare le violazioni dei diritti di proprietà intellettuale o a gestire i diritti di proprietà intellettuale come “beni aziendali”.
Supporto agli imprenditori

Gli imprenditori e le loro attività sono la chiave della crescita e della competitività europea. La promozione dell’imprenditorialità e delle cultura imprenditoriale è, per questo, uno dei 4 principali obiettivi di COSME.
Il Piano di Azione “Enterpreneurship 2020” ha chiamato tutti i livelli istituzionali – europeo, nazionale, regionale e locale – a convergere verso i suddetti obiettivi. 
Il Piano di Azione mira in particolare a tre obiettivi: 
  1. Educazione all’imprenditorialità: COSME sosterrà lo scambio di buone pratiche nella UE in tema di formazione all’imprenditorialità;
  2. Miglioramento dell’ambiente in cui operano gli imprenditori per consentirne la crescita,l negli aspetti legali e fiscali ma anche attraverso una consulenza mirata a specifiche fasi del ciclo di vita delle imprese, con particolare attenzione alle esigenze degli “imprenditori del Web”;
  3. Proposta di “modelli di ruolo” e azioni di  sensibilizzazione mirate a gruppi specifici: giovani, donne o imprenditori senior saranno, quindi, in grado di beneficiare di azioni di mentoring o di altri programmi su misura.
Esempi di interventi già finanziati
  • “Rete europea di Mentori per le Imprenditrici” fornisce consulenza e sostegno alle donne imprenditrici nei primi anni di start-up e sviluppo delle imprese (fino al quarto anno di vita);
  • “Erasmus per giovani imprenditori” aiuta i nuovi imprenditori (non necessariamente giovani di età, ma titolari di imprese giovani) offrendo loro l’opportunità di imparare da un imprenditore ospitante più esperto, localizzato in un altro paese. 

Condizioni più favorevoli per la creazione e lo sviluppo di imprese
  • Programma d’azione per la riduzione degli oneri amministrativi nell’Unione europeaCOSME mira ad alleggerire gli oneri amministrativi per le imprese, rimuovendo obblighi di comunicazione e di informazione inutili;
  • Individuazione e scambio di buone pratiche tra le amministrazioni nazionali per migliorare la politica nei confronti delle PMI: saranno avviate iniziative a livello nazionale, regionale e locale, come il Premio Europeo per la Promozione di Impresa;
  • Strumenti di analisi per una migliore politica verso le PMI: per facilitare la preparazione della nuova legislazione a livello UE e nazionale, saranno proposti confronti fra le prestazioni delle diverse politiche negli Stati membri, saranno organizzate conferenze e realizzati report sulla competitività;
  • Azioni settoriali, come quelle finalizzate a sviluppare il turismo.