Nuova stazione di Parma: io la vedo così

Galleria

image

image

image

image

image

image

RETTIFICA

Gli ascensori sono tutti funzionanti.
Chiedo scusa per l’informazione sbagliata pubblicata in precedenza su questo post.

Nel complesso mi piace. Credo anche che possa diventare funzionale.

Tuttavia:

  • Era proprio necessario creare ex-novo una galleria sotterranea?
  • La durata del cantiere è stata infinita a causa della bancarotta della Giunta Vignali: da qui la mia impressione di una montagna (di costi e di debiti in capo ai cittadini di Parma) che partorisce un topolino

  • La tettoia a vetri è esteticamente stonata rispetto al contesto. Un costo per me inutile

  • Il disagio per i cantieri sui binari, con restringimento pericoloso dello spazio per le persone in attesa, è stato intollerabilmente lungo e non giustificato dal risultato finale

  • Senza alta velocità, ovvero senza collegamento diretto e funzionante alla stazione mediopadana, risalta ancora di più la sproporzione fra costi e benefici (il topolino si rimpicciolisce a formica).

D’accordo, non piangiamo sul latte versato, viviamo al meglio la nuova stazione.
Ma gli errori non devono essere dimenticati: almeno per evitare di ripeterli.